benessere bio-psico-spirituale

Il primo passo per guarire

Cari amici/che e ricercatori,

vi siete mai chiesti qual’è il primo passo per cominciare a stare meglio? Vi siete mai chiesti se esiste un modo per entrare nel processo della guarigione?

Un modo, universale, esiste. E’ quello di riconoscere il disagio che si prova, avere il coraggio di guardarlo per davvero e lasciarsi andare alle sensazioni che sopraggiungono. Se emerge dolore, frustrazione, senso di impotenza, rabbia, è il segnale che stiamo entrando in noi stessi, nella nostra interiorità. Accogliamoci. Importante è però non commentare, non giudicare. Portiamo, semplicemente, Luce e Consapevolezza su ciò che ora sentiamo come “problema” e rimaniamo in ascolto.

Ascoltarsi senza giudicare vuol dire portare l’attenzione sulle sensazioni presenti, fisiche ed emotive, senza esprimere pareri, senza cercare colpe “esterne”.yantra

La sofferenza nasce dalla negazione di un disagio, non dal disagio stesso. Perchè, il più delle volte, il disagio, esaurita la sua funzione di svegliare la nostra anima, se ne va.

Vi ricordo che potete scrivere ed esprimere le vostre esperienze e/o domande direttamente qui sul blog. Le e-mail personali vanno indirizzate da ora esclusivamente a:

lacasadellanima@libero.it

Vi auguro un felice proseguimento di estate e Rinascita!

Mariateresa Ruocco Conte Sagara

benessere bio-psico-spirituale

“Siamo il mondo”

CIO’ CHE TU SEI IL MONDO E’.

SENZA LA TUA TRASFORMAZIONE, NON PUO’ AVVENIRNE NESSUNA NEL MONDO

  Krishnamurti

benessere bio-psico-spirituale

“Il potere nascosto”

” Siamo esseri olografici. Siamo corpi olografici che vivono nella coscienza

olografica di un universo olografico. Siamo esseri potenti che si esprimono

attraverso corpi che si estendono al di là dei confini delle cellule, fino a diventare

l’universo stesso.

Semplicemente con l’atto di essere chi siamo, inglobiamo

l’intera creazione, rispecchiando tutto, dal più vasto dei fenomeni fino al più

minuto degli eventi, dalla più cieca oscurità alla luce più splendente “

 

                                           Gregg Braden